Avviso sui rischi: I CFD sono strumenti complessi che presentano un elevato rischio di perdere rapidamente denaro a causa della leva finanziaria. Il 71% dei conti degli investitori retail perde denaro nel trading di CFD con Tickmill UK Ltd. Dovresti assicurarti di avere ben compreso come funzionano i CFD e se puoi permetterti di assumerti l'alto rischio di perdere i tuoi soldi.

Forex Trading

Accedi al mercato più grande del mondo e scambia più di 60 coppie valutarie

Trading Forex online:
tutto quello che c’è da sapere per iniziare a fare trading sul Forex

Vuoi imparare le basi del trading Forex, e magari anche arrivare a padroneggiarlo? Sei nel posto giusto!

In questa guida vedremo tutte le cose più importanti che non potrai non sapere prima di iniziare a fare trading Forex e ti aiuteremo a capire come entrare sui mercati in modo sicuro e avendo già una strategia efficace.

Per prima cosa ti spiegheremo cos’è davvero il trading Forex e come funziona. Daremo quindi un’occhiata alla terminologia di base per abituarti alle parole e alle frasi usate quando fai trading di valuta estera. Dopo la terminologia di base vedremo quali calcoli dovrai usare nel quotidiano in qualità di trader Forex.

L’obiettivo della guida è dotarti degli strumenti necessari ad approfondire la tua conoscenza dei dettagli del trading FX prima di entrare sui mercati globali. Se hai già fatto trading Forex in passato, vai pure alle sezioni che ti interessano di più. Ti basta fare clic sui titoli del menu di seguito per essere rimandato alla relativa sezione.

VALUTE

Strumento Spread minimo Spread tipico Posizione lunga Posizione corta
AUDUSD 0.0 0.1 -2.51 -1.22
EURGBP 0 0.4 -5.97 2.48
EURJPY 0 0.5 -1.94 -1.08
EURUSD 0 0.1 -7.88 4.75
GBPAUD 0 2.5 -3.9 -3.03
GBPJPY 0 1 5.7 -9.3
GBPUSD 0 0.3 -2.81 -0.89
USDCAD 0 0.2 -1.5 -2.1
USDCHF 0 0.4 2.78 -6.62
USDJPY 0 0.1 2.17 -9.86
Per una lista completa delle coppie valutarie e dei relativi spread clicca qui.

Cos’è il trading sul Forex e come funziona

Il mercato delle valute estere, o Forex (abbreviazione di Foreign Exchange), ti permette di scambiare tra loro due valute. Con un volume di trading giornaliero di 6,6 trilioni di dollari, il mercato Forex è davvero enorme. Ti basti pensare che supera di molto la Borsa di New York (NYSE), il cui volume di trading è di soli 22,4 miliardi di dollari al giorno.

Le enormi dimensioni del mercato Forex attraggono un’ampia gamma di partecipanti, tra cui banche centrali, gestori di investimenti, hedge fund, società, broker e trader al dettaglio, il 90% dei quali è composto da speculatori su valute!

Ma cos’è esattamente che rende così interessante il mercato Forex per gli investitori in tutto il mondo? Immagina di voler scambiare una valuta per un’altra: di fatto, “scambiando” le due stai vendendo una valuta e comprando l’altra.

Il tasso di cambio tra le due valute è fondamentale nel trading Forex. Il tasso subisce variazioni costanti, che consentono agli speculatori sul mercato di guadagnare facendo trading, ma anche di perdere l’intero investimento. La variazione del tasso di cambio è influenzata principalmente da domanda e offerta per ogni data valuta!

A questo punto è anche importante sottolineare che, mentre tu fai trading, milioni di altri trader partecipano al mercato Forex.

Nel momento in cui scegli di “vendere” una valuta, da qualche parte qualcuno starà decidendo di acquistarla. Più utenti fanno trading, più denaro c’è sul mercato. Si tratta della cosiddetta “liquidità”. Come abbiamo detto, il mercato Forex è enorme, e in tutto il mondo milioni di trader puntano ad approfittare dell’enorme liquidità del mercato Forex.

What is Forex?

Cos’è Il Trading Sul Forex E Come Funziona
In tutto il mondo, 13,9 milioni di trader comprano e vendono valute in contemporanea. Come abbiamo premesso, questo rende la liquidità sul mercato Forex molto alta.

Questi elevati livelli di volatilità consentono ai trader di aprire e chiudere posizioni quando vogliono: ci sarà sempre un acquirente per la valuta che vuoi vendere o un venditore per la valuta che vuoi acquistare!

Gli alti livelli di liquidità hanno anche altre implicazioni. Se la liquidità è elevata, ci sono molti partecipanti al mercato. I costi del trading, come lo spread, possono dunque essere più bassi. Il mercato è inoltre molto meno suscettibile a manipolazioni! Se qualcuno apre un’operazione di grandi dimensioni su un mercato con scarsa liquidità, l’impatto sul prezzo può essere notevole. Nel Forex è però impossibile, perché il volume di unità di valuta scambiato è enorme!

Includendo tutte le valute al mondo, il mercato Forex è aperto 24 ore al giorno dal lunedì al venerdì. Le operazioni svolte su queste valute sono dette “over the counter”, o OTC. Non esistono borse fisiche come per le azioni, dove le piattaforme di scambio sono centralizzate come il NYSE, ma una rete globale composta da una rete di banche e istituti finanziari che supervisionano il mercato.

Come singolo utente, verrai probabilmente categorizzato come “trader al dettaglio”, ma un gran numero di operazioni Forex viene condotto in realtà da trader istituzionali come banche, fondi e grandi società. Non necessariamente questi attori compreranno o venderanno le valute, ma speculano sui loro movimenti di prezzo o fanno hedging per proteggersi da possibili variazioni del tasso di cambio.

Vediamo un esempio

Forex
Un trader al dettaglio come te venderà EURUSD se riterrà che il prezzo del dollaro acquisirà valore rispetto a quello dell’euro.
Forex
Se però una società americana decidesse di usare il mercato Forex per fare hedging in caso di indebolimento dell’euro, che causerebbe una diminuzione del valore dei suoi proventi, guadagnerà comunque sul deprezzamento dell’USD.

Mercato valutario e coppie valutarie

Sul mercato Forex, le valute sono espresse sotto forma di coppie. Diamo un’occhiata all’EURUSD, la coppia più scambiata al mondo, per capire cosa di preciso compone una coppia di valute.

Per prima cosa, le coppie di valute sono composte da “valuta di base” e “valuta di quotazione”. La valuta di base è sempre espressa per prima, quella di quotazione per secondo. Nel nostro esempio, dunque, l’EUR sarà la valuta di base, l’USD quella di quotazione.

Quando sarai pronto a iniziare (approfondiremo questa parte in seguito), conoscerai la piattaforma e vorrai aprire la tua prima operazione, vedrai due quotazioni per l’EURUSD. Il prezzo di vendita, o “lettera”, e il prezzo d’acquisto, o “denaro”. Ricorda sempre che quando fai clic su Acquista o Vendi, la valuta che acquisti o vendi è la prima della coppia.
Mercato Valutario E Coppie Valutarie

DOMANDA

Probabilmente avrai già notato che il prezzo denaro e il prezzo lettera sono diversi. La differenza origina quello che chiamiamo “spread”, e che esprimiamo in pip. Nell’esempio di cui sopra, il Prezzo lettera è 1,12005, il Prezzo denaro 1,12023.
Qual è lo spread?
0.18 pip
> 1.8 pip <
18 pip
Non hai indovinato? Non preoccuparti: per saperne di più, consulta la pagina spread e margine.

Ora che vi abbiamo fornito una breve spiegazione di cos’è il trading Forex e cosa sono le coppie di valute, vediamo alcuni termini in cui ti imbatterai spesso se vuoi imparare a fare trading Forex.
  • Pip e pipette
  • Denaro e lettera
  • Spread
  • Leva
  • Margine

Cos’è un pip?

Per fare trading sul Forex online dovrai conoscere perfettamente il termine pip.

Acronimo di “prezzo in punti” o “percentuale in punti”, un pip è il quarto decimale del prezzo. È pari all’1% di un punto base. Dato che la maggior parte delle coppie di valute esprimono un prezzo in quattro decimali, si parla del minimo movimento di prezzo che il tasso di cambio può subire (0,0001).

Il termine è molto importante per il trading di valute: lo spread (ne parleremo in seguito) è quotato proprio in pip.

Vediamo un esempio per chiarire le cose:

Forex
Vuoi fare trading sull’EURUSD. Il prezzo dell’EURUSD è 1,1060. Prima di aprire l’operazione, noti che il prezzo passa a 1,1059. Il prezzo è sceso insomma di un pip, o 0,0001.

Anche se la maggior parte delle valute è quotata in 4 decimali, altre come lo yen giapponese vengono quotate in due decimali.

Cos’è una pipette?

Ora sai cos’è un pip, ma non dimenticare che la piattaforma di trading MT4 mostra i prezzi anche oltre i 2 o 4 decimali standard. Per pipette si intende dunque una frazione di pip, e può essere il 5° o il 3° decimale. Equivale a 1/10 di pip.

Per capire meglio come leggere i pip, guarda l’immagine di seguito.
Cos’è Una Pipette?

Hai capito cosa sono pip e pipette?

Hai capito cosa sono pip e pipette? Perfetto. Ora vedremo come calcolare il valore di un pip! Il valore delle valute oscille: se vogliamo fare trading, dovremo calcolare il valore di un pip per lo strumento su cui vogliamo operare. Per farlo ci basta seguire due semplici passaggi.

1° passaggio

dividi 1 pip (0,0001) per l’attuale valore di mercato della coppia che hai scelto.

2° passaggio

moltiplica il risultato per il valore del lotto.

Vediamo un esempio

Forex
Il prezzo dell’EURUSD è al momento 1,5510, e hai scelto di operare con mini lotti, ovvero 10.000 unità. Il valore di un pip è: (0,0001/1,5510) x 10.000 = 0,6447

In questo esempio, per ogni pip di variazione del prezzo, guadagnerai o perderai 0,6447 EUR.
Il valore del pip viene definito dalla valuta di quotazione. Nell’esempio appena visto, quella valuta è l’EUR. Quando invece la valuta di quotazione è l’USD, il valore del pip resta invariato! Se le dimensioni del lotto sono di 100.000 unità, un pip sarà pari a 1 $.

Il tuo broker calcolerà il valore del pip al tuo posto, ma un vero trader Forex saprà come farlo in prima persona.

Cosa sono prezzo denaro e prezzo lettera?

Come abbiamo già accennato, per fare trading Forex devi capire come viene generato il prezzo delle valute; sappiamo già che sono scambiate in coppia, e che il valore di una valuta aumenta o diminuisce rispetto a quello dell’altra.

Quando compriamo o vendiamo una coppia di valute, in realtà stiamo comprando una valuta e vendendo l’altra allo stesso tempo. Il prezzo “denaro” è il prezzo al quale vendi una coppia di valute, ovvero il prezzo d’acquisto della valuta di base in valuta di quotazione!

Cos’è lo spread?

Un altro termine usato di frequente nel trading Forex è “spread”, un concetto fondamentale per calcolare i costi del trading Forex online.

Per spread si intende il differenziale tra i due prezzi, il divario tra prezzo denaro e prezzo lettera della valuta che hai scelto.
Cos’è Lo Spread?
Come già spiegato, il prezzo “denaro” è il prezzo al quale vendi la valuta di base, il prezzo “lettera” il prezzo al quale acquisti la valuta di base. Lo spread è il costo da affrontare per aver aperto un’operazione, e può essere influenzato da vari fattori. Tra questi troviamo:
  • Lo strumento su cui fai trading.
  • La volatilità del mercato.
  • Il broker con cui fai trading.
Un buon broker adotterà sempre spread ridotti per fare in modo che questo costo non ti impedisca di fare trading. Anche se lo spread tende ad ampliarsi nei momenti di maggiore volatilità del mercato, un broker come Tickmill ti offrirà sempre gli spread più bassi a disposizione per aiutarti a fare trading in modo efficiente.

Se lo spread aumenta, la differenza tra i due prezzi è più ampia, a indicare una maggiore volatilità sul mercato. In teoria, quando il mercato è più liquido lo spread dovrebbe essere quindi inferiore.

Cosa si intende per leva e margine?

Dopo aver compreso termini come pip e spread, inizierai a notare anche che spesso si nominano “margine” e “leva”, due termini spesso associati tra loro.

La leva è la presa in prestito di fondi dal tuo broker, che ti consente di controllare più fondi quando fai trading. Per farlo si utilizza un conto con margine, in parte responsabile dell’aumento della popolarità del trading Forex. Di fatto, questo meccanismo consente ai trader al dettaglio di controllare più fondi di quelli che investono realmente.

Vediamo un esempio

Forex
Hai deciso di fare trading con una leva di 1:100.
Hai depositato 1.000 $ sul tuo broker.

Ai fini del trading, controlli ora 100.000 $!
Quando fai trading, il profitto che realizzi sull’operazione è notevolmente più grande, perché il capitale che usi è molto più alto dell’effettivo deposito grazie al prestito contratto dal broker. A questo punto avrai capito che il trading con leva è una lama a doppio taglio. I profitti potranno essere ampliati, così come le perdite.

Per poter accedere a questo tipo di leva, il tuo broker avrà bisogno di una forma di assicurazione che ti consenta di farlo. Ecco a cosa serve il margine! Pensa al margine come un deposito che lasci al broker per permettergli di aprire e tenere aperta un’operazione. Il broker tratterrà una parte del tuo saldo per coprire le potenziali perdite dell’operazione.

Il “requisito di margine” di cui ha bisogno il broker è solitamente espresso come percentuale dell’operazione complessiva. Ogni operazione che apri ne avrà uno. Ricorda che il requisito di margine varia in base all’asset su cui fai trading e al broker con cui collabori.

Trading sulle valute:
il trading sulle valute è uguale al trading Forex?

Nella tua ricerca di informazioni sul trading Forex, probabilmente ti sarai imbattuto nell’espressione trading di valute. Ma è la stessa cosa?

In parole povere, sì!

Il termine non utilizza l’abbreviazione inglese Forex (Foreign Exchange), ma la definisce come trading su valute.

Per fare trading di valute, in realtà non fai altro che scambiare singole valute in coppie, ovvero l’essenza del trading Forex. Il trading di valute indica che tu faccia trading sul valore di una valuta contro l’altra. Se ad esempio fai trading sull’EURUSD, in realtà speculi sulla variazione di valore dell’EUR contro l’USD.

Come fare trading sulle valute nel Forex

L’importante è comprendere come calcolare il valore.

Il valore di una valuta dipende dalla domanda e dall’offerta: sono questi due fattori a determinare il “tasso di cambio” tra le due. Per tasso di cambio si intende la differenza tra il valore di una valuta e quello dell’altra. È il tasso di cambio che determina quante unità di una valuta ricevi in cambio dell’altra, ad es. quante sterline ricevi per i tuoi euro.

A questo punto è importante ricordare che il tasso di cambio varia costantemente.

Gli investitori che fanno trading di valute analizzano vari fattori, tutti potenzialmente in grado di influenzare il valore di una valuta, e speculano sul modo in cui questi fattori influenzano il valore delle valute. Se un trader ritiene che il valore di una valuta aumenterà, acquisterà quella valuta. Se invece ritiene che diminuirà, preferirà venderla.

Quando fai trading Forex, l’oggetto dell’attività di acquisto e vendita sono le coppie di valute. Le valute coinvolte saranno due, e dovrai speculare sul valore dell’una rispetto a quello dell’altra.

Se un investitore ritiene ad esempio che il valore dell’euro diminuirà rispetto a quello della sterlina britannica per la pubblicazione di alcuni dati, l’investitore dovrà vendere l’euro e comprare allo stesso tempo la sterlina britannica. Se l’investitore ha ragione, realizzerà un profitto!

Semplice, no? Tieni a mente che per riuscire a speculare con profitto dovrai comprendere bene i mercati e sapere come analizzarne i movimenti.

Cosa ti serve per iniziare a fare trading sul Forex

Prima di iniziare a fare trading Forex, ci sono alcune cose che devi avere a disposizione.
Una connessione a Internet
Una delle prime cose che devi avere è una connessione a Internet stabile, perché il trading Forex avviene online. Il fattore più importante è la stabilità e la disponibilità della connessione, specialmente per monitorare le operazioni e accedere al conto in caso sia necessario fare modifiche o cogliere un’occasione.

Un broker Forex

Avrai poi bisogno di un broker. La scelta del broker è una delle decisioni più importanti prima di iniziare a fare trading Forex. Ecco alcuni fattori importanti da tenere in considerazione:
1. Regolamentazione
Quando scegli il broker con cui inizierai a fare trading Forex, la regolamentazione è fondamentale: è l’insieme delle regolamentazioni a cui il broker è sottoposto a determinare quanto sono protetti gli investitori!

Quando scegli un broker che ti offre di fare trading con leva 1:1000 per poter fare trading con un investimento minimo, potresti credere di aver trovato un’ottima soluzione. Una leva elevata comporta però rischi molto alti. La ricompensa se l’operazione va a buon fine sarà notevole, ma il mercato potrebbe anche andare nella direzione opposta, fino a farti perdere gran parte dell’importo investito, o addirittura l’intera somma.

Un broker regolamentato non può offrire ai propri clienti una leva così elevata, ma te ne offrirà una molto più realistica in termini di rapporto rischio - ricompensa.

Non solo: un broker regolamentato offrirà ai propri clienti la protezione dal saldo negativo. Se fai trading e il mercato si muove in senso opposto al tuo, sarai protetto dalla possibilità di finire in negativo, e non potrai mai perdere una somma superiore a quella investita.

Lavorando con un broker regolamentato, inoltre, sarai protetto in caso di fallimento della società. Per legge, i broker regolamentati devono essere registrati per il Financial Service Compensation Scheme. Fondi di questo genere si basano sui contributi del broker e garantiscono che, in caso di bancarotta dello stesso, il tuo deposito sia protetto fino a una certa somma.

Per concludere, i broker regolamentati proteggono sempre i propri clienti con “conti segregati”. Si tratta di particolari conti nei quali confluiscono i fondi depositati dai clienti, separati dai fondi del broker stesso per garantire che il broker non possa usarli per altri scopi.
2. Condizioni di trading e tipi di conti
Per poter scegliere un broker in modo da iniziare a fare trading Forex, dovrai considerare le condizioni e i tipi di conti a tua disposizione.

Solitamente, i tipi di conti disponibili dipendono dal volume su cui farai trading. Un lotto standard include 100.000 unità di base, un mini lotto 10.000 unità di base e un micro lotto 1.000.

Se scegli di iniziare a fare trading Forex senza esagerare, probabilmente un conto come il nostro Classic farà al caso tuo. Conti più grandi, come quelli Pro e VIP, sono più adatti ai trader che muovono volumi più ampi. Per un confronto tra conti, dai un’occhiata alla pagina Panoramica sui conti qui. In seguito vedremo cosa ti servirà per aprire un conto.

Dopo aver selezionato un tipo di conto, rifletti sulle condizioni di trading offerte, come spread e swap, dalla quale dipenderanno i costi, e margine e leva, che determineranno invece in che modo potrai fare trading.
Vediamo quali sono i vari tipi di spread disponibili, fissi e variabili.

Gli spread fissi, solitamente, sono offerti da quei broker che denominiamo “market maker”. I broker di questo tipo non trasferiscono le tue operazioni sul mercato interbancario, ma li abbinano internamente ad altre operazioni. In altre parole, “creano il mercato” su cui operi. Offrono dunque spread fissi, dato che l’ordine non verrà eseguito sul mercato esterno.

Al contrario, altri broker offrono spread variabili, poiché le operazioni che apri sono passate a un provider di liquidità. Quello che è ottieni è quindi il prezzo di mercato, al quale viene aggiunto un rincaro (è su questo rincaro che il broker guadagna). Gli spread tendono a essere più bassi di quelli che pagheresti presso un broker che adotta spread fissi.

Per questo motivo, di solito, i broker che propongono spread variabili sono incentivati a fare in modo che i loro clienti facciano trading in modo sostenibile per continuare a operare (e guadagnare). Non è nel loro interesse che il cliente arrivi, perda e se ne vada. Per loro, la sostenibilità è fondamentale!

Lavorare con un broker che offre spread variabili ha anche degli svantaggi. Nei momenti di maggiore volatilità, gli spread possono ampliarsi per tener conto del movimento di mercato importante che sta avvenendo.
3. Strumenti di trading
Dipende tutto dal tipo di trader che vuoi essere e dalla flessibilità che ti serve. Un altro fattore importante quando scegli il tuo broker sono gli strumenti che offri. Alcuni broker danno accesso alle principali coppie di valute (major), altri offrono un’ampia gamma di classi di asset, dal Forex alle criptovalute, ma anche metalli, azioni, indici e obbligazioni!

Per prendere questo tipo di decisione è fondamentale aver definito per tempo la propria strategia di trading, così da riuscire a scegliere un broker in grado di offrirti tutto ciò che ti serve.
4. Assistenza di trading
Quando sarai pronto a iniziare a fare trading Forex, è fondamentale capire che assistenza offrono i possibili broker. Hanno una sede nel tuo stesso paese, e quindi un team di assistenza in grado di aiutarti nella tua lingua madre? Cerca un broker che offra assistenza almeno 24/5, così da avere un operatore dell’assistenza a tua disposizione quando ne avrai bisogno.
5. Piattaforma di trading
Come vedremo più nel dettaglio in seguito, per poter riuscire a fare trading Forex dovrai usare una piattaforma di trading Forex! Offriamo ai nostri clienti le celebri piattaforme MT4 ed MT5, ricche di strumenti per migliorare il tuo trading, tra cui i grafici e gli indicatori personalizzati e un sistema di notifiche che ti aiuta a non perdere mai un’occasione di fare trading.
6. Conto di trading
Come abbiamo visto in precedenza, per iniziare a fare trading Forex avrai bisogno di un conto. Per aprirne uno presso il broker, dovrai inviare della documentazione che ci aiuti a verificare la tua identità.

Ti guideremo nella procedura quando arriverai a dover aprire un conto live, ma possiamo già anticiparti che avremo bisogno di un documento d’identità e una prova di indirizzo.
7. Fondi per fare trading
Sicuramente avrai capito che per fare trading Forex avrai bisogno di un investimento iniziale. Dopo aver aperto un conto, dovrai effettuare un deposito usando uno dei metodi di deposito disponibili per i clienti.

Un buon broker ti offrirà sempre varie opzioni per farlo.

Broker Forex:
cosa sono e come funzionano

Ogni giorno sul mercato Forex viene scambiato un trilione di dollari, che rende quello delle valute il più grande mercato finanziario in termini di volume di trading. In passato solo grandi banche, istituti finanziari, società e hedge fund potevano accedere a questo mercato, ma lo sviluppo della tecnologia lo ha aperto anche ai piccoli investitori come i singoli trader! Tutto questo è stato possibile solo grazie all’esistenza dei broker Forex.

Come abbiamo già discusso, un’operazione nel Forex consiste nella vendita di una valuta in contemporanea all’acquisto di un’altra. Un broker Forex dunque mette in contatto il trader con un acquirente per la valuta che vuole comprare o un venditore per la valuta che vuole vendere. Se la tua operazione avviene è solo perché il broker abbina la tua operazione a quella di altri trader o la trasferisce sul mercato interbancario per farlo.

Senza broker Forex, non potresti mai accedere al mercato interbancario, perché i capitali necessari per entrarvi sono molto alti. Il tuo broker Forex soddisfa invece questo requisito e può svolgere l’operazione per conto tuo.

Grazie alla leva, che ti consente di controllare più fondi di quelli che hai investito, puoi inoltre effettuare operazioni più ampie. È il broker Forex che ti permette di usare la leva, sfruttando il proprio capitale per aprire l’operazione e permetterti di partecipare al mercato Forex.

Siti web, piattaforme e app di trading Forex: cosa c’è da sapere

In questa sezione vedremo i vari software a tua disposizione in qualità di trader Forex. Per prima cosa vedremo delle app di trading Forex disponibili per migliorare le tue capacità, quindi passeremo a esplorare le piattaforme di trading FX che userai per fare trading e alcuni siti web sul trading Forex che ti aiuteranno ad ampliar le tue conoscenze e ottenere informazioni economiche.

App di trading sul Forex

Quando inizi a fare trading Forex dovrai avere accesso a notizie di mercato, dati, quotazioni e grafici, e persino tenere pronto il conto quando fai trading. Questa esigenza ha portato alla creazione di un’ampia gamma di app da usare sul tuo dispositivo mobile.

Dato che il mercato Forex è estremamente volatile e gli eventi hanno un ruolo importante, le app con calendario economico e notifiche push sono diventate uno strumento standard per i trader Forex in tutto il mondo. La maggior parte dei broker offre ormai ai propri client l’accesso alle app mobili, dal quale il cliente può accedere al proprio conto ovunque sia se ci fosse la possibilità di cogliere un’occasione o dovesse uscire da un’operazione.

Una delle app di trading Forex più usate è NetDania. È un’app molto popolare, che da accesso a tassi Forex interbancari, quotazioni sui prezzi di azioni e commodity in tempo reale con informazioni su oltre 20.000 strumenti finanziari! Offre persino lo streaming live dei grafici e le ultime notizie di mercato, e consente ai trader di applicare alert alle linee di tendenza per conoscere sempre subito gli eventuali cambiamenti del mercato.

Un’altra app di trading Forex molto usata è Trade Interceptor. Disponibile su dispositivi Android e iPhone, offre ai trader un’ampia gamma di opzioni per accedere a strumenti di analisi tecnica e indicatori tecnici sui grafici. Avrai accesso a prezzi live e grafici e potrai impostare avvisi quando il prezzo tocca certi livelli, vengono pubblicate notizie o iniziano eventi del calendario economico.
Siti Web, Piattaforme E App Di Trading Forex: Cosa C’è Da Sapere
Siti Web, Piattaforme E App Di Trading Forex: Cosa C’è Da Sapere

Piattaforme di trading FX

Una piattaforma di trading FX è un’interfaccia software che permette ai trader Forex di comprare e vendere valute online. Le piattaforme esistono in versione online, mobile e scaricabile, e in tutti i casi ti permettono di accedere ai mercati per svolgere operazioni.

In alcuni casi, potrebbe essere stato il tuo stesso broker a sviluppare queste piattaforme di trading Fx, ma la più utilizzata e disponibile per il trading Forex è MetaTrader 4, o MT4. Quasi tutti i broker Forex al mondo ti danno accesso a questa piattaforma di trading Forex online, e puoi trasferirla sui tuoi dispositivi. Essendo un programma per Windows, funziona in modo efficace su tutti i dispositivi Android, ma puoi scaricarlo anche per Mac!

Abbiamo varie pagine dedicate a MT4. Per informazioni più approfondite, qui trovi dei link utili:

Siti web per il trading sul Forex

Come avrai ormai capito, online trovi moltissime informazioni sul trading Forex. Come capire allora quali risorse sono davvero affidabili e utili per la tua carriera di trader?

Come abbiamo già spiegato, la formazione è fondamentale per iniziare a fare trading. Ti consigliamo siti web come Baby Pips, dotato di un’intera “scuola di pip” pensata per insegnarti a fare trading Forex.

Tra gli altri siti web di trading Forex disponibili trovi quelli che ti offrono notizie e aggiornamenti su cosa accade sul mercato Forex. Sul nostro blog trovi informazioni del genere, ma anche siti come Bloomberg e Reuters offrono davvero molte informazioni.
Siti Web, Piattaforme E App Di Trading Forex: Cosa C’è Da Sapere

Il mercato Forex: orari di apertura

Se hai iniziato a fare trading, probabilmente ti starai chiedendo “quando apre il mercato Forex?”. Il mercato prevede 4 sessioni di trading diverse: Sydney, Tokyo, Londra e New York. Le quattro sessioni nel complesso portano il mercato Forex ad aprire di lunedì mattina e chiudere il venerdì sera.

Dai un’occhiata all’immagine di seguito per capire meglio le tempistiche del mercato FX.
ORARIO GMT
Nota: gli orari di negoziazione sono soggetti a modifiche senza preavviso. I fornitori di liquidità possono modificare il programma di negoziazione secondo necessità, a seconda delle condizioni di mercato.
Probabilmente avrai identificato delle sovrapposizioni tra le sessioni, ad esempio alle 7:00 (GMT) sono aperte sia la sessione di Tokyo che quella di Londra. È per questo che il mercato Forex è aperto ai trader 24 ore su 24, 5 giorni a settimana (i mercati chiudono nel weekend).

Il Forex come investimento

Gli investitori di oggi hanno accesso a un’ampia gamma di strumenti finanziari per diversificare il proprio portfolio di trading. Dalle azioni delle società blue chip agli investimenti sul Forex, le opportunità non hanno fine. Come fare a scegliere se investire sul Forex o in qualche altro mercato?

Alcuni dei fattori più importanti per rispondere a questa domanda sono la propensione al rischio e lo stile di trading. I trader che vogliono effettuare investimenti a lungo termine su un periodo di diversi anni probabilmente si troveranno meglio con l’azionario, chi preferisce invece i movimenti più a breve termine con un rischio più alto potrebbe trovare un’alternativa ideale nell’investimento sul Forex.

Come imparare a fare trading sul Forex

Pensare che ci sia un solo modo di imparare a fare trading Forex sarebbe davvero poco realistico, ma di solito la maggior parte dei trader inizia in uno di questi modi:
Forex
Impara online usando guide, informazioni e studi.
Forex
Impara da un mentore tramite un corso online.
Forex
Copia altri trader di successo.
Forex
Impara dai i tuoi errori facendo trading.
Sconsigliamo di intraprendere il 4° percorso con un conto live! Iniziare a imparare a fare trading Forex richiede molto tempo: se metti a rischio il tuo capitale, ti consigliamo di essere pronto a farlo prima di iniziare. Vediamo dunque i primi tre metodi.
Grazie alle moltissime informazioni disponibili, imparare a fare qualcosa online è molto utile e pratico, e il trading Forex non fa eccezione. Se decidi di imparare a fare trading Forex, assicurati di lavorare con un broker che offra ai propri clienti molti materiali di formazione, che sia tramite eBook, video di formazione, articoli online o webinar nei quali potrai fare domande (di solito alla fine) per assicurarti di aver capito davvero l’argomento.

Questo metodo di apprendimento ti consente di seguire i tuoi tempi, ampliare le tue conoscenze nei settori che vuoi sviluppare e accedere a informazioni che potrebbero non essere disponibili a chiunque online.

Se cerchi un modo più strutturato di imparare il trading Forex, probabilmente preferirai passare per un corso online o lavorare con un mentore. Un buon broker offrirà anche questa possibilità, essendo nella posizione di offrire corsi con molti formatori dotati delle conoscenze e delle esperienze necessarie per insegnare. Tickmill, ad esempio, offre ai clienti la possibilità di partecipare a seminari di persona. Scopri quali qui.

Come probabilmente saprai già, in tutto il mondo milioni di trader hanno già le conoscenze e le esperienze necessarie a fare trading Forex. Chi vuole imparare il trading Forex può dunque copiare i trader che hanno già successo. Molti broker offrono ai propri clienti questa opzione, e solitamente presentano un’ampia gamma di trader da cui copiare. Per farlo puoi usare varie piattaforme.

Come abbiamo accennato, sconsigliamo di iniziare subito con un conto live. Utilizzando un conto demo, potrai fare trading e imparare dai tuoi errori senza rischiare il tuo capitale! Per conto demo intendiamo un conto presso un broker che rispecchia condizioni di trading live. Potrai vedere i prezzi offerti dal broker, scoprire quanto è rapida la sua esecuzione e testare o affinare la tua strategia senza correre alcun rischio. Ti consigliamo di metterti alla prova con un conto di questo tipo prima di passare a un conto live.

Dopo aver deciso quale metodo seguire per imparare a fare trading Forex, è importante decidere anche su quali valute farlo. I nuovi trader tendono a passare subito a fare trading su molti strumenti diversi, senza studiare prima i fattori che influenzano il loro prezzo e il mercato nel complesso.

Capire come funzionano gli strumenti su cui fai trading è però fondamentale per avere successo come trader. Immagina ad esempio di trovare una valuta il cui prezzo è sceso notevolmente negli ultimi 3 mesi. Sulla base delle tue competenze in analisi tecnica, ritieni che ci siano buone probabilità che il prezzo rimbalzi, e provi a comprare al minimo. Se però avessi studiato meglio quella valuta, avresti notato che i dati dell’occupazione sono pessimi ormai da mesi, e che le probabilità che la valuta possa rimbalzare in modo notevole non sono poi così elevate. Se non disponi di questo dato sulla valuta, potresti commettere degli errori che sarebbe stato semplice evitare con un po’ di studio.

Per concludere, uno dei fattori più importanti per imparare a fare trading Forex è la gestione del rischio e delle emozioni. Immagina di dover prendere una decisione importante, ma in due condizioni diverse:
Forex
Bill - calmo, rilassato e concentrato.
Forex
Bob - arrabbiato, stressato e distratto.
Se sei come Bill, molto probabilmente considererai ogni possibilità, valutando i rischi della tua operazione. Se sei come Bob, è molto più probabile che tu commetta degli errori molto costosi per la tua strategia e negativi per il saldo del conto. Gestisci le tue emozioni, e scegli di essere Bill, NON Bob.

Se vuoi essere come Bill, avvicinati al trading con la logica, non l’emozione, la paura o l’avarizia. Se la tua attività di trading evoca emozioni forti, fermati, valuta perché stai per aprire un’operazione e cerca di tornare a guardare il mercato in modo obiettivo.

Esempi di strategie Forex

Per andare al sodo e scegliere una strategia di trading Forex, prima è fondamentale comprendere i modi migliori di farlo. Rifletti su questi tre fattori:
Intervallo di tempo
La scelta di un intervallo di tempo adatto al tuo stile è fondamentale. La differenza tra un grafico da 15 minuti e uno settimanale è fondamentale! Se sei più adatto a essere uno scalper, ovvero un trader che guadagna dai piccoli movimenti del mercato, esamina gli intervalli di tempo che vanno da 1 a 15 minuti.

Day trader e swing trader useranno invece intervalli di tempo più lunghi, come il grafico a 4 ore. Prima di decidere, fatti dunque questa domanda: “quanto a lungo voglio tenere aperte le mie operazioni?”.
Frequenza delle opportunità di trading
La prossima domanda dovrà poi essere: “quante volte voglio aprire e chiudere operazioni?”. Se vuoi aprire un gran numero di operazioni, probabilmente lo scalping fa al caso tuo: se segui quella strategia, aprirai piccole operazioni con un’alta frequenza.

Alcuni trader preferiscono invece dedicare molto tempo all’analisi dei dati economici e dei report macroeconomici. In questo caso, il loro approccio si baserà più sull’analisi fondamentale, e il tempo che potranno dedicare all’analisi del grafico sarà meno. Se vuoi adottare questo approccio, probabilmente una strategia di trading che utilizza posizioni più grandi e intervalli di tempo superiori farà più al caso tuo.
Dimensioni della posizione
L’ultima domanda da porti, e probabilmente la più importante, è: “quanto voglio che siano grandi le mie posizioni?”.

A questo punto dovrai comprendere i rischi che subirai nel trading. Un’operazione più grande implica un rischio superiore e potenzialmente una perdita superiore. Per assicurarti di gestire il rischio in modo adeguato, dovrai comprendere quanto rischio sei disposto ad assumerti a ogni operazione. Alcuni trader applicano a ogni operazione un limite di rischio pari all’1% del proprio conto.

Se ad esempio hai 10.000 $ sul conto, e scegli un limite di rischio dell’1%, aprirai solo operazioni da 100 $ alla volta.

In generale, meno operazioni apri, più grande sarà la posizione e viceversa.

Ora che sai come scegliere una strategia di trading, vediamo alcune di quelle usate più spesso.
Day Trading
Come il nome stesso suggerisce, il day trading nel Forex viene svolto strettamente in un’unica giornata. Tutte le posizioni che apri andranno quindi chiuse prima della chiusura del mercato di quel giorno. I day trader utilizzano intervalli di tempo che vanno dal brevissimo termine (pochi minuti) fino a qualche ora.

I trader che fanno day trading Forex solitamente si concentrano sulle notizie, ad esempio terranno d’occhio le pubblicazioni di dati come i tassi di interesse o il PIL, le prossime elezioni e gli altri eventi che probabilmente avranno un impatto profondo sul mercato.

Solitamente, chi sceglie di usare una strategia di day trading Forex aprirà posizioni quando il prezzo rompe la media mobile esponenziale da 8 periodi nella stessa direzione del trend. L’uscita segue invece un rapporto rischio-ricompensa di 1-1.
  • Avrai a disposizione molte opportunità.
  • Rapporto rischio - ricompensa nella media.
  • Questa strategia richiede più tempo.
  • Dovrai migliorare le tue capacità di analisi tecnica.
Strategia di hedging sul Forex
Solitamente questa strategia si utilizza insieme ad altri asset. In questo caso, il trader usa il Forex per fare hedging contro altre posizioni su classi di asset diverse o altre posizioni Forex.

È possibile farlo in due modi.

1. Il trader Forex crea davvero un “hedge”, ovvero protegge una posizione già aperta da un movimento indesiderato del mercato. In questo caso il trader avrà aperto sia una posizione “long” che una “short” sulla stessa coppia di valute. Noto anche come “perfect hedge”, finché viene impiegato questo metodo elimina di fatto ogni rischio dalla posizione. Quando il mercato inizia a muoversi in una direzione e il trader è convinto che continuerà in quella direzione, chiuderà l’operazione in direzione opposta.

2. Con questo metodo di hedging delle posizioni Forex, il trader crea un hedge che lo protegge parzialmente dai movimenti indesiderati del mercato. Noto anche come “imperfect hedge”, con questo metodo un trader che è long su una data coppia di valute acquista opzioni put sullo stesso strumento. Usando questa tecnica di hedging sul Forex elimina dunque parte dei rischi.
Scalping
Un termine spesso usato per spiegare la strategia che permette di ottenere piccolo guadagni da un gran numero di piccole operazioni. Lo scalping viene condotto su intervalli di tempo molto brevi, e può essere svolto manualmente o usando un programma di trading algoritmico, come un Expert Advisor, che lo fa automaticamente.

Solitamente gli scalper operano su intervalli di tempo da 1 a 3 minuti. Per prima cosa puntano a identificare i trend di mercato usando un indicatore come la media mobile su un intervallo superiore, così da essere più convinti di aver individuato la direzione complessiva del mercato, poi creano bande di supporto e resistenza per fare scalping in quel range.

Gli scalper piazzano Stop Loss a pochi pip di distanza per assicurarsi di potersi proteggere dai movimenti di mercato più ampi, poi ripetono l’operazione più e più volte, così che nel corso del giorno i piccoli profitti accumulati per operazione continuino ad aumentare.

La procedura che abbiamo appena visto può essere totalmente automatizzata usando un Expert Advisor, che non solo rimuoverà la parte emotiva del trading, ma molto probabilmente potrà fare tutto questo a velocità più elevata, così da accumulare maggiori profitti anche in un breve periodo di tempo.
  • Se vuoi seguire la strategia manualmente, richiederà molto tempo.
  • Il tuo rapporto rischio - ricompensa sarà molto più basso.
  • Hai a disposizione un ampio numero di opportunità di trading.
  • Dovrai lavorare parecchio sulla tua capacità di fare analisi tecnica.
  • Gran parte della procedura può essere automatizzata, così avrai più tempo per l’analisi.
Ora abbiamo visto delle strategie, ma con tutti gli strumenti a tua disposizione, i vari intervalli di tempo e stili che offriamo, troverai molti altri tipi di strategie di trading. Nel grafico di seguito trovi alcune di quelle disponibili; per saperne di più sui vari metodi, consulta il nostro blog.
Esempi Di Strategie Forex

FAQ: puoi davvero guadagnare con il trading Forex?

Essendo un broker, tendiamo a rispondere alla domanda con un’altra domanda. Quanto tempo puoi dedicare alla causa? A volte il trading Forex viene fatto passare come un modo facile di guadagnare, ma non è affatto così. Come la maggior parte degli investimenti, dovrai comprendere chiaramente come fare trading, su cosa farlo, e dove farlo.

Speriamo che la nostra guida ti abbia dato delle informazioni su tutto ciò, ma sappiamo che in un ambiente dinamico come quello del trading Forex puoi sempre imparare e migliorare. Se vuoi ampliare le tue conoscenze, ti consigliamo di dedicarti davvero a questa disciplina e continuare a imparare, nella piena consapevolezza di tutti i rischi del trading.

Per qualsiasi domanda, non esitare a contattarci e chattare con un membro del nostro team!